Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Umbria e delle Marche

Report listing
Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Umbria e delle Marche
Indirizzo: Via Gaetano Salvemini 1, Perugia, Perugia 06126, Italia
Phone: 075 3431
protocollo.izsum@legalmail.it
  • Obiettivo della partecipazione all'evento:
  • Collaborazioni commerciali, 
  • Ricerca clienti
  • Dettagli Azienda
  • Mappa

L'Istituto collabora inoltre con organismi come la Commissione Europea, l’Organizzazione mondiale della sanità Animale, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, l’Organizzazione delle Nazioni unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Nello specifico svolge attività di ricerca scientifica sperimentale, formazione e aggiornamento di veterinari e altri operatori sanitari. Garantisce le prestazioni e la collaborazione tecnico-scientifica necessaria per l'espletamento delle funzioni in materia di igiene e sanità pubblica veterinaria. Svolge inoltre attività finalizzate allo sviluppo del sistema produttivo agro-alimentare. Riveste un ruolo di primaria importanza anche nella gestione delle emergenze non epidemiche, la difesa dell'ambiente, la tutela faunistica, il monitoraggio degli ecosistemi terrestri e marini, ed il benessere animale.

L’Istituto fa parte di una rete di 10 IIZZSS distribuiti su tutto il territorio nazionale ed è competente per le Regioni Umbria e Marche. La sua sede legale si trova a Perugia, ha inoltre 5 sezioni diagnostiche territoriali nelle città di Ancona, Fermo, Pesaro, Terni e Tolentino.

All’intero dell’ente operano:

Quattro centri di referenza nazionali

quello per lo studio delle malattie da pestivirus e da asfivirus, quello per lo studio dei retrovirus correlati alle patologie infettive dei ruminanti e quello per la Rinotracheite Infettiva del Bovino con sede a Perugia. Il centro di referenza nazionale per il controllo microbiologico e chimico dei molluschi bivalvi vivi con sede a Ancona.

 

Vi sono inoltre 2 centri di referenza regionali per l’Umbria

quello per gli Enterobatteri Patogeni e quello per l’Ittiopatologia, siti rispettivamente a Perugia e Terni.

E tre centri di referenza regionali per le Marche

quello per gli Enterobatteri Patogeni, presso la sede di Tolentino; quello per l’Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili con sede a Fermo e il centro di referenza regionale per l’Autocontrollo di Pesaro.

L’Istituto inoltre ha due Osservatori Epidemiologici Veterinari, uno per l’Umbria con sede a Perugia ed uno per le Marche, con sede ad Ancona. La loro attività è finalizzata  alla prevenzione primaria e secondaria sia nel campo delle malattie trasmissibili, sia nel campo della sicurezza alimentare, con l'obiettivo di salvaguardare la salute dei consumatori e contribuire al miglioramento delle produzioni zootecniche.